CORO SCRICCIOLO
DI CAMERI

Il pane degli altri

L'amico Umberto Vaggi corista appassionato, oltre ad essere stato un abile presentatore dei nostri canti, era appassionato di storia ed amava scrivere.
Ha voluto lasciare allo Scricciolo, un suo manuscritto mai pubblicato prima, un racconto ambientato in Ossola sul finire della seconda guerra mondiale; un racconto che apre una finestra sulla lotta partigiana, sulla Repubblica dell'Ossola. Un racconto in prima persona, visto da un adolescente quale egli era, e scritto con un linguaggio semplice ed uno stile fluido e molto godibile.

Il pane degli altri, questo è il titolo ha colpito Attilio, l'amico corista che ha ricevuto il manuscritto, e dopo averne parlato con il coro ha chiesto alla famiglia di poterlo pubblicare. I famigliari hanno quindi deciso di pubblicare il libro a proprie spese, e finalmente ecco reso disponibile a tutti questo bel racconto storico di Umberto, dal quale traspare tutto il suo amore per la sua terra ossolana, ed il suo desiderio di far conoscere taluni aspetti della Resistenza in Ossola. Nel libro viene descritta con una semplicità molto efficace l'esperienza dell'esilio nei campi di lavoro svizzeri, al quale gli anti fascisti ossolani furono costretti all'indomani della caduta della Repubblica dell'Ossola; episodi questi poco trattati dalla storiografia ufficiale.
Tale pubblicazione oltre al valore affettivo e narrativo si rivela ancor più importante in questo periodo in cui sembra che il revisionismo storico faccia passi da gigante; così fissa per sempre su carta l'esperienza ossolana della Repubblica, vista e raccontata in prima persona con gli occhi di un ragazzo ma con il senno e la pacatezza della maturità degli anni.

Il libro viene ceduto, a chi ne faccia richiesta ed i ricavi andranno devoluti in beneficenza, poichè la famiglia non intende trarre alcun profitto da un'opera che Umberto non aveva pubblicato.

Copertina

Cliccando qui sotto potrete leggere la lettera che fa da introduzione al libro: "Il pane degli altri".

Introduzione del libro Torna alla pagina precedente